Come durare di più a letto: guida pratica agli esercizi di Kegel per sconfiggere l’eiaculazione precoce!

durare di più a lettoQuando sei in intimità con la tua donna non ti senti mai pienamente sicuro e a tuo agio? Hai paura che le tue prestazioni non siano considerate soddisfacenti dalla tua partner? Non riesci a resistere abbastanza da regalarle un orgasmo coi fiocchi?

Ho già parlato del problema dell’eiaculazione precoce in modo approfondito nell’articolo “Come durare di più a letto: 7 segreti svelati” ed abbiamo visto quanto sia un problema estremamente diffuso e molto spesso sottovalutato.

Riassumendo basti sapere che secondo uno studio della SIA (Società Italiana di Andrologia), circa il 20% degli uomini soffre di eiaculazione precoce, ma quasi mai ne parla col medico.

La durata media del rapporto sessuale è stimata dai 3 ai 7 minuti (pochissimo) ed infatti il 38% delle donne sono sessualmente insoddisfatte del proprio partner.

Sono dati spaventosi, non è così?

Se frequenti questo blog e stai leggendo questo articolo però sei un uomo fortunato e presto scoprirai come durare di più a letto ed entrarai a far parte di quell’elite di uomini che sa come far impazzire una donna. 😉

Molti studi scientifici sono stati fatti a riguardo ed oggi siamo a conoscenza di alcuni piccoli accorgimenti, che possono migliorare nettamente le nostre prestazioni sessuali. E non parlo di farmaci, ma di rimedi del tutto naturali.

durare di piu a letto

 

 

 

 

 

 

 

 

Intanto se non l’hai ancora fatto, prima di procedere con la lettura di questo articolo, ti consiglio di andarti a leggere quest’altro: “Come durare di più a letto: 7 segreti svelati“.

Come avrai notato, nel punto n° 6 parlo di esercizi di Kegel, cioè degli esercizi che servono per rinforzare e controllare alcuni muscoli del pavimento pelvico, coinvolti nel rapporto sessuale.

E’ proprio di questi esercizi che parlerò oggi e ti darò alcuni consigli pratici per poterli applicare fin da subito ottenendo miglioramenti tangibili in poco tempo.

durare di più a lettoSecondo Barbara Keesling, esperta in terapia sessuale ed autrice del libro “Come fare l’amore tutta la notte“, esistono due tipi di uomini al mondo: quelli che controllano il proprio pene e quelli che sono controllati dal proprio pene.

Un uomo che non riesce a controllare il proprio pene è un uomo che vive nella paura. Ha paura che la sua inadeguatezza venga scoperta, non è capace di avere una vita sessuale soddisfacente e non è capace di appagare la donna che ama.

Il maggiore ostacolo al piacere sessuale è la paura che il nostro “equipaggiamento” non sia all’altezza, e spesso questa paura deriva dalla scarsa conoscenza che abbiamo del nostro apparato genitale.

Un rapporto più salutare col nostro organo riproduttivo può risolvere una serie di problematiche molto comuni come l’ansia da prestazione donando all’uomo un’adeguato controllo sul suo funzionamento ed una maggiore sicurezza in se stesso.

La tua prestazione sessuale può dunque essere compresa, alterata e migliorata. Ed è proprio quello lo scopo di questo articolo.

 

Come durare di più a letto: cosa è e come può aiutarti il muscolo pubococcigeo

durare di più a lettoIl pene, come sicuramente saprai, non è un muscolo.

Lo so, è un peccato, se fosse stato così sarebbe bastato allenarlo come un qualsiasi altro muscolo per tenerlo bene in forma.

Non tutti sanno però che esiste un muscolo che ha un ruolo fondamentale nel mantenimento dell’erezione. Stiamo parlando del muscolo pubococcigeo.

In pratica il muscolo pubococcigeo (PC) è quello che usi per fermare il flusso dalla vescica, ed è lo stesso che si contrae per espellere lo sperma durante l’eiaculazione.

Come ti dicevo, questo muscolo è fondamentale per l’attività sessuale e per durare di più a letto, ma quasi nessuno fino a qualche anno fa, era a conoscenza di queste importanti funzioni e di come allenarlo nel modo corretto per migliorare le prestazioni sessuali.

Riuscire a controllare il muscolo pubococcigeo significa avere il pieno controllo del tuo pene, aumentare la durata delle tue prestazioni e raggiungere una sensazione di piacere molto maggiore (si può arrivare anche a provare orgasmi multipli).

Padroneggiare le tecniche per il controllo di questo muscolo non è difficile, richiede un impegno di pochi minuti al giorno, ma costante nel tempo.

Tutto ciò di cui hai bisogno sono 2 o 3 esercizi che ti spiegherò tra poco e pochi minuti al giorno del tuo tempo.

 

Prima di iniziare: come individuare il muscolo pubococcigeo per svolgere gli esercizi correttamente

La prima cosa che devi fare, prima di iniziare con gli esercizi è riuscire a percepire e capire dove si trova il muscolo pubococcigeo, che diventerà il tuo miglior alleato e ti permetterà di durare di più a letto.

Per molti uomini individuarlo è semplice e immediato, mentre per altri può essere un po’ più complicato.

Adesso ti spiego il modo più semplice per individuarlo ed isolarlo dagli altri muscoli vicini:

Innanzututto posiziona delicatamente due dita dietro i testicoli. Adesso spingi come se dovessi urinare e subito dopo trattieni, come se dovessi bloccare l’urina. Sentirai in quel punto un muscolo che si contrae, lo senti irrigidirsi?

Ecco, hai appena trovato il tuo muscolo pubococcigeo. Forse hai notato che pene e testicoli hanno un po’ “saltato” quando hai contratto questo muscolo.

Attenzione: è molto importante che durante gli esercizi che seguiranno, tu riesca a contrarre solo e soltanto questo muscolo, mentre quelli dello stomaco e delle cosce dovranno rimanere rilassati.

 

Esercizio di Kegel n° 1: contrazione e rilasciamento

Eccoci al primo esercizio per allenare il tuo muscolo pubococcigeo. Mettiti ben comodo, le prime volte avrai bisogno di un po’ di concentrazione, ma successivamente riuscirai a fare questo semplice esercizio ovunque.

Tutto quello che devi fare è: contrai il muscolo pubococcigeo come ti ho insegnato poco fa, trattieni la contrazione per 1 o 2 secondi e poi rilascia. Facile no?!

Ripeti questo esercizio per 20 ripetizioni, 3 volte al giorno (60 ripetizioni al giorno)

Ovviamente non è necessario tenere le dita sul muscolo durante lo svolgimento. Le prime volte magari puoi farlo, se hai difficoltà a individuare il muscolo, ma successivamente puoi procedere senza toccarlo, ti basta percepirlo.

Lo so, magari ti sembra troppo semplice per essere efficace, ma ti garantisco che lo è, e presto lo scoprirai da te.

Attento a non trattenere il respiro mentre lo fai, respira normalmente in modo da ossigenare bene l’organismo, infatti l’ossigeno è fondamentale anche per mantenere un’erezione potente.

E’ importante anche non esagerare con le contrazioni, essendo un muscolo rischi di farlo infiammare con tutte le conseguenze del caso.

Ripeti questo esercizio 3 volte al giorno per 3 settimane.

 

Esercizio di Kegel n° 2: la contrazione lunga

Hai fatto l’esercizio 1 per 3 settimane? Bene, allora dovresti già iniziare a notare i primi miglioramenti ed è il momento di passare all’esercizio successivo.

Continua a fare le 20 contrazioni del primo esercizio come hai fatto finora, ma adesso devi aggiungere 10 contrazioni lente e prolungate.

Come si fa?

Contrai il muscolo pubococcigeo più forte che puoi, mantieni la contrazione per 5 secondi, dopodiché rilascialo lentamente.

Ripeti per 10 volte ed il gioco è fatto.

Con questo esercizio dovresti sentire il muscolo PC che lavora molto intensamente.

Potresti avere difficoltà a fare 10 ripetizioni fin da subito, ma non ti preoccupare e non ti sforzare eccessivamente. Inizia con 3 o 4 ripetizioni ed aumenta gradualmente giorno dopo giorno fino ad arrivare a 10.

 

Esercizio di Kegel n° 3: Stop & Go

Questo esercizio è un po’ più difficile e va svolto durante la masturbazione.

Consiste nel riuscire a bloccare l’eiaculazione grazie alla contrazione del muscolo pubococcigeo, che ormai dovrebbe essere diventato abbastanza forte.

Come si svolge?

Mettiti comodo e prenditi tutto il tempo che vuoi, perché questo esercizio va svolto senza fretta.

Inizia lentamente, senza movimenti bruschi, rilassa tutti i muscoli dell’addome e delle cosce e respira tranquillamente.

Aumenta gradualmente la velocità fino a raggiungere un certo livello di eccitazione, poi stop, ferma la stimolazione e contrai contemporaneamente il muscolo pubococcigeo.

Fai un respiro profondo e lascia diminuire un po’ l’eccitazione, poi riparti lentamente.

Aumenta di nuovo la velocità fino a raggiungere un picco di eccitazione superiore al precedente, poi fermati di nuovo, contrai il muscolo PC e fai un respiro profondo.

Continua questo esercizio per 15 o 20 minuti. Ciò che devi fare è cercare di raggiungere ogni volta un picco di eccitazione superiore al precedente, ma riuscendo a bloccare l’eiaculazione grazie al muscolo PC ed alla respirazione.

Con che frequenza devo svolgere questo esercizio? Bene, diciamo che dipende molto dai casi, ma direi che una o due volte a settimana può andare bene quasi sempre.

Tieni presente che, una volta che padroneggi gli esercizi 1 e 2, puoi limitarti a svolgerli come mantenimento un paio di volte al mese e quindi hai più tempo da dedicare a questo terzo esercizio che li comprende un po’ tutti.

 

Esercizi Reverse Kegel: cosa sono ed in cosa si differenziano dai Kegel classici?

A differenza dei Kegel classici, che lavorano sul rinforzo del muscolo pubococcigeo, i Reverse Kegel lavorano in modo inverso, cioè sul controllo ed il rilasciamento del muscolo PC e di altri muscoli coinvolti nell’attività sessuale.

Si tratta di esercizi un po’ più difficili da eseguire e quindi adatti a chi padroneggia bene i Kegel classici.

Quindi se sei agli inizi e cerchi degli esercizi semplici ed efficaci per migliorare la tua resistenza nel sesso, ti consiglio di cominciare dagli esercizi che ti ho descritto in questo articolo.

Se invece è già un po’ di tempo che svolgi gli eserizi di Kegel classici, hai ottenuto dei miglioramenti, ma vuoi perfezionarti ancora di più, puoi procedere con i Reverse Kegel.

A tal proposito, ho scritto un articolo dettagliato su come svolgere questi esercizi, che puoi leggere cliccando qui: Come durare di più a letto: esercizi “Reverse Kegel”

 

Come durare di più a letto: conclusione

Siamo giunti alla fine di questo lungo e sostanzioso articolo. Sono sicuro che se metterai in pratica questi consigli, insieme a quelli che puoi leggere nell’articolo “Come durare di più a letto: 7 segreti svelati“, nel giro di 1 o 2 mesi riuscirai a raggiungere una resistenza che prima non immaginavi neanche.

Da parte tua devi solo impegnarti qualche minuto al giorno e svolgere questi semplici (e anche piacevoli) esercizi.

Se questi consigli ti sono stati utili e vuoi condividere la tua esperienza, oppure se hai delle domande da fare, sappi che leggere i tuoi commenti è sempre un piacere per me.

Buon allenamento!

P.S. Prima di chiudere voglio farti un ultimo regalo: 3 Video GRATUITI in cui ti svelo i 7 errori fatali nel sesso, che ti impediscono di soddisfare al 100% le donne con cui lo fai: Clicca qui per ricevere GRATIS “I 7 errori fatali nel sesso”

durare di piu a letto

102 Commenti

  1. Marco
    • Mr Shax
  2. Michele
    • Mr Shax
  3. Giovanni
    • Mr Shax
      • Anonimo
        • Mr Shax
  4. Luca
    • Mr Shax
  5. Roby
  6. Roby
    • Mr Shax
  7. Anonimo
    • Mr Shax
  8. Anonimo
    • Mr Shax
      • Anonimo
        • Mr Shax
  9. Anonimo
    • Mr Shax
  10. Anonimo
    • Mr Shax
  11. ANONIMO
    • Mr Shax
  12. Mes
    • Mr Shax
  13. Stev
    • Mr Shax
  14. Nessuno
    • Mr Shax
  15. Anonimo
    • Mr Shax
      • Anonimo
        • Mr Shax
  16. Anonimo
    • Mr Shax
    • Mr Shax
    • Anonimo
      • Mr Shax
    • Mr Shax
    • Mr Shax
  17. Matteo
  18. ANONIMO
    • Mr Shax
  19. Giuseppe
    • Mr Shax
  20. anonimo
    • Mr Shax
  21. Salvatore
    • Mr Shax
  22. Marco
    • Mr Shax
  23. Mauro
    • Mr Shax
  24. Carlo
    • Mr Shax
  25. Matteo
    • Mr Shax
      • Matteo
  26. Nicola
  27. Mino
    • Fiona
    • Renato
  28. nike
    • Mr Shax
      • Francesco
        • Mr Shax
  29. Rino
    • Mr Shax
  30. Anonimo
    • Mr Shax
  31. Anonimo
    • Mr Shax
      • Anonimo
  32. Anonimo
    • Mr Shax
  33. Dami
    • Mr Shax
  34. tore
    • Mr Shax
      • tore
  35. Antonio
    • Mr Shax
  36. Till lindemann
    • Mr Shax
  37. Peppe
    • Mr Shax
  38. Marco
    • Mr Shax
  39. Anonimo
    • Mr Shax
  40. Antonio
    • Mr Shax
  41. Angelo
  42. Giuseppe
    • Mr Shax

SCRIVI QUI LA TUA DOMANDA O OPINIONE:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Termini e Condizioni | Privacy Policy | Contatti